Posted on Lascia un commento

Il tenore e il pipistrello

Antonio era un tenore ed ogni notte usciva di casa vestito elegante.
Camminava fino a che le luci della città diventavano buio di bosco e giunto in riva al fiume, dedicava un canto alla natura, amica generosa a cui doveva la sua voce.
Ogni notte, mentre intonava splendide arie, un pipistrello dalle grandi ali si avvicinava, si fermava e lo ascoltava.
Entrambi vestiti di nero, ognuno faceva la sua parte: uno voce, l’altro orecchio. Opposti necessari e il suono diventava musica.
Ogni notte Antonio, dopo il canto nel bosco, tornava in città sempre più dubbioso su di lui e sul suo canto.
Forse non era così solare come credeva, forse, data la compagnia che attirava, in lui, sotto una maschera di luce, si celavano le tenebre.
Ma andava via sempre troppo presto e non sapeva che,
grazie al suo canto,
ogni sera,
quel pipistrello si trasformava
in una dolce fanciulla.
lts_pipistrello
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *